Libri da ricordare

12/09/2011 § Leave a comment

Oggi è una giornata un pò così… non brutta non bella… semplicemente così… per cui non parliamo di me e non parliamo nemmeno in generale…parliamo di libri… questa estate ho letto 3 libri magnifici che mi ha consigliato la titolare della piccola libreria 6rosso … tornata dalle vacanze le ho anche portato un regalo perchè io non ho dimenticato il significato della  parola riconoscenza … per me i libri che mi consiglia sono un valore aggiunto alla mia vita intellettuale, alla mia formazione come donna e come essere umano… un libro è una cosa importante… certi libri ti lasciano il segno per sempre… le sue parole vivranno nella tua testa per sempre… anche se nella mia, a causa della mia scarsa memoria,  vivono in maniera  latente seppur intensa. I 3 libri che mi rimarranno per sempre nel cuore sono:

L’arte della gioia di Goliarda Sapienza
Suite francese  di Irène Némirovsky
Controvento di Angeles Caso

Sono 3 libri tutti al femminile, scritti da donne che raccontano di donne …soprattutto… la lettura è intensa e appassionata, quasi un’ avventura, una passeggiata che ti lascia senza fiato.

Adesso sto leggendo High & Dry. Primo amore, scritto da Banana Yoshimoto.  Non tutti i suoi libri mi hanno catturata… in realtà l’ ho comprato perchè l’ illustrazione in copertina è di Yoshimoto Nara, che ovviamente adoro, altrimenti non so se l’ avrei preso….ma  mi sta piacendo perchè è profondo, pieno di frasi ad effetto ma basico… come se davvero a scriverlo fosse stata una deliziosa e sveglia ragazzina di 14 anni che ha un futuro promettente come scrittrice. Mi ha preso… ma sono solo all’inizio…e i suoi libri, di solito, si trasformano man mano che li leggi…

Volevo anche ringraziare la mia amica Elena… saputo che mi era piaciuta Irène Némirovsky  mi ha regalato Il vino della solitudine …. e in questo libro c’era un pizzico di me


Advertisements

“Dai diamanti non nasce niente”

27/06/2011 § Leave a comment

La bella giornata di ieri ci ha finalmente permesso di fare un piccolo aperitivo nel nostro giardino in mezzo ad un pò di verde, che qui a Milano è come l’acqua nel deserto. Tutti hanno portato qualcosa  di buonissimo … ma il top del top è stata la cheesecake fatta da Riccardo…. zio di Karl, il carlino amico dei miei pelosi… e si …c’era anche Karl che era un pazzo scatenato e non si è fermato un secondo… i ciccini sono così stanchi che anche oggi tra il caldo e i giochi di questo weekend (anche sabato hanno corso e giocato nel giardino dei genitori di Mauro) sono super super cotti… parlando di giardini … ho appena finito il libro della  Dandini ” Dai diamanti non nasce niente”…. è molto molto carino… è come fare una passeggiata in un enorme giardino con un’amica che ti racconta un pò di pettegolezzi storici e ti educa al giardinaggio… a modo suo…tra  chiacchiere e colori , tra odori e vecchi ricordi.

Il piccolo principe e la volpe

15/06/2011 § Leave a comment

Guardando tra i numerosi annunci di pelosetti su facebook ho letto quello di Gunt… un cagnolino che aveva finalmente trovato casa ma che ha fatto un piccolo errore a causa del quale  , dopo soli pochi giorni di vita in famiglia,verrà rispedito in canile…  mi sono ricordata di uno dei libri più dolci  che abbia mai letto….e mi sono ricordata della volpe e  del suo incontro con il Piccolo Principe…

Ho letto questo libro così tante volte da conoscerlo quasi a memoria e di tutti gli incontri che il Piccolo Principe fa, durante il suo fantastico viaggio, quello con la volpe è l’incontro che mi ha insegnato di più… quello che mi ha commosso di più…

Questa piccola volpe che chiede al piccolo principe
«Per favore… addomesticami»
e alla risposta del piccolo principe
«Volentieri», rispose il piccolo principe, «ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose.»
la volpe gli dice una delle frasi più belle di tutto il libro
«Non si conoscono che le cose che si addomesticano», disse la volpe. «Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico, addomesticami!» 

E io me li immagino  i nostri amici pelosi, che ci supplicano di essere addomesticati, che farebbero qualsiasi cosa pur di non deluderci ancora, che  si sforzano di capirci e che ci parlano con la coda, con la testa, con gli occhi… se solo imparassimo ad “ascoltarli” e a “parlargli”….

A volte c’è troppa leggerezza nella decisione di adottare un cane e con troppa superficilità si decide se un cane è nostro amico o non è nostro amico e questo è molto triste… decidiamo di buttarlo fuori dalla nostra famiglia come faremmo con un elettrodomestico difettato…lo riportiamo indietro al venditore…gli animali non hanno libretti di istruzioni e siamo noi, con il nostro amore,la nostra intelligenza e la nostra forza di volontà a dovergli indicare quale strada è quella giusta.

E la saggia volpe ci cvela un grande segreto:

“Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.»…”È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.»…«Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa…» 

Qui potete  leggere del Piccolo Principe e della Volpe 

Illustrazione via mikyag.blogspot.com

Piccolo fantastico mondo

07/06/2011 § Leave a comment

Io vengo da un piccolo  paesino di campagna, fino ai 18 anni ho avuto un computer che a stento sapevo accendere e di tecnologia sapevo ben poco. Leggevo tantissimo e quasi senza sosta… macinavo libri ad una velocità sconsiderata… per me la lettura era tutto… era svago, sogno, salvezza. Mi ricordo che sottolineavo le frasi più belle e  più significative  le scrivevo su un foglio di carta e le attacavo all’armadio. Mi aiutava leggerle ogni tanto. Mi aiutava ad essere migliore e a fare meglio. Dov’è finita quella ragazza che  nella sua piccola libreria sceglieva i libri da leggere e correva a casa impaziente di iniziare ad avventuarsi nel prossimo  libro ed iniziare ad  immaginare i personaggi, le case, gli oggetti, le strade. Mi ricordo che portavo il mio libro da leggere ovunque perchè ogni momento era buono per immergersi nella lettura. Se mi guardo non mi riconosco. Questo mondo fatto di like, comment, di fasulli mondi virtuali che ti succhiano il tempo e la fantasia. “No, grazie, io scendo. Mi faccia scendere pure qui, in via Albertini 6, che cerco di capire se io esisto ancora e che viaggio intendo fare veramente”  . Qui c’è una piccola libreria che non sembra neanche di essere a Milano, si chiama 6rosso e ad accogliermi ci sono due signore  fuori dagli schemi e una piccola cagnolina. La signora bionda  è appassionata di noir , come me, e iniziamo a parlare e mi da consigli sui libri da leggere mentre la cagnetta gioca con la palla. Due libri li avevo già scelti : il nuovo della Dandini ” Dai diamanti non nasce niente”,  e un libricino scritto da un 93enne che nella vita ne ha viste davvero tante “Indignatevi!”…. il terzo me lo lascio consigliare da lei , un noir,”Il diavolo blu”. Le chiedo se conosce un libro che dalle recensioni mi sembrava bello ” La signora Harris” e lei mi risponde che se è Mondadori … loro non trattano Mondadori…. Non è Mondadori …Neanche io compro Mondadori… e dalla Dandini inizia il mio nuovo viaggio, la nuova riscoperta di una me che avevo dimenticato, di un mondo più piccolo di quello virtuale ma tanto tanto fantastico .

Ed ecco la foto della piccola amica incontrata in libreria.

Agora

06/06/2011 § Leave a comment

E’ da un pò che non scrivo. Ma questo è un periodo di cambiamento e ho dovuto lottare contro batman … sono stata piuttosto impegnata. E’ anche un periodo di pioggia e a casa siamo tutti e 5 infliuenzati … chi più chi meno… Dal 14 Maggio sono successe tante cose ma mi ricordo che guardando questo meraviglioso film ho pensato che volevo scrivere qualcosina sulle sensazioni che ho provato guardandolo. Ve le elenco dalla prima all’ultima in ordine cronologico : Orgoglio di essere una donna, vergogna per l’ignoranza e l’arroganza del cristianesimo, tristezza per tutto il sapere che è andato distrutto e per tutte le volte che la religione si è messa tra noi e la scienza anche uccidendo menti geniali, indignazione per una religione che ha reso la donna inferiore, umiliandola e togliendole ogni diritto e dignità. Come fate a credere in una religione che ci ha tolto la voce, che si è insinuata in tutti gli aspetti della nostra vita e ci ha relegate in un angolo e impedito di spiccare il volo?

Pieces of April

01/05/2011 § Leave a comment

Stamattina ho guardato Pieces Of April . Mentre facevo colazione. Non mi aspettavo nulla da questo film. Dico. Non l’ avevo scelto. Ho acceso sky e questo mi sembrava il meno peggio. E invece è un film dolcissimo che parla dei rapporti familiari in un modo cinico e anche commovente. Da adolescenti si fanno un sacco di cazzate. Si piange  e ci si dispera per delle cose talmente stupide che se ci penso mi viene da riavvolgere il tempo e usare tutti quei momenti per qualcosa di meglio. Ma non si può.  Non ho avuto problemi con la droga come la protagonista del film ma fino a 18 anni sono stata una pessima figlia. Non la peggiore del mondo ma quasi. Poi, un giorno, ho lasciato la danza e ho iniziato ad amare e a vivere. Non avrei mai pensato di poter diventare la persona che sono. Nella mia famiglia penso che nessuno lo pensasse . E invece il mio percorso mi ha portato ad essere una persona migliore . Mi piace essere migliore e mi piace continuare a migliorarmi e crescere… Diventero saggia?… Diventerò  una persona  bella e luminosa? Chi lo sa… Ma so di aver fatto il possibile per non essere il meglio che posso essere… Vi lascio con questa canzone che fa parte della colonna sonore del film… E’ una canzone dolcissima che parla di un  amore bello e di cieli grigi che tornano blu e soli che tornano a splendere e sogni che diventano realtà… la scolterò mille volte…

The warrios way

27/04/2011 § Leave a comment

Come sapete adoro i film di guerra e azione (fantasy) giapponesi. Mi piace tutto di questi film… fotografia, musica, storia, sceneggiatura… li guardo sempre molto molto volentieri, rimanendo estasiata dalle scene di lotta che trovo così armoniche – essendo una ex ballerina non posso non amare l’armonia dei movimenti –  ” The warriors way” non mi ha delusa anche se non si avvicina molto ai film giapponesi visti fin’ora (vedi Foresta dei pugnali volanti” e simili) … è un tantino diverso perchè ambientato nel west ma è proprio questo mix ad avermi affascinata… e cosa dire del pezzetto di giardino fiorito piantato dal protagonista in un deserto secco dove nulla potrebbe fiorire… un messaggio pieno zeppo di significato… come tutto il film… mi è tanto piaciuto.

Where Am I?

You are currently browsing the Movie&Book category at Me, Him And The Dogs.

%d bloggers like this: