Caldo, Avvolgente e Semplice

02/11/2011 § Leave a comment

Sentore d’inverno e voglia di cose calde ed avvolgenti… le mie nuove calde ciabatte sembrano urlare questo… Le ho viste nella vetrina di Bionature in Cadorna e le ho comprate al volo.. in lana cotta e ¬†materiali naturali saranno le mie migliori amiche per tutto l’ inverno ūüôā … ho comprato anche un docciaschiuma alla lavanda… avendo ¬†scoperto che la lavanda mi rilassa ¬†sto cercando di comprare quanti pi√Ļ prodotti possibili abbiano questo aroma… ma di questo vi parler√≤ poi perch√® la lavanda merita un articolo tutto suo.

Da quanto tempo non ci sentiamo… vorrei scrivere pi√Ļ spesso … dovrei farlo…
Sono appena tornata dal SUD … ogni volta che ci vado mi pesa il cuore… non so perch√®…anzi lo so ma non √® che vi devo dire proprio tutto… ma poi arrivo, abbraccio mio fratello e il cuore mi diventa un palloncino gofiato all’elio…

Sto leggendo tantissimo .. alcuni libri bellissimi … ve ne parler√≤…condividere le buone letture dovrebbe essere un obbligo ūüôā

Infine sto scrivendo un libro… √® un’impresa scrivere un libro… ho gi√† scritto un bel p√≤ ma ¬†come iniziare? trovo che le prime parole di un libro siano le pi√Ļ importanti, √® come quando incontri qualcuno e ti presenti …come la prima impressione…voglio che sia buona… ma voglio che tutto il libro sia buono…..e poi… ¬†lo schema del libro, la struttura… devo ancora trovarla… insomma devo ancora lavorarci un bel p√≤… “Sto scrivendo un libro che parla di te… non sei contenta? Eddai, ¬†fammelo un sorriso, ¬†con quegli occhi perduti e tristi ¬†che mi guardavano come incantati .” ūüôā

E poi oggi mi piace questa canzone e la semplicità.

Advertisements

The “one more thing”

06/10/2011 § Leave a comment

Sono commossa oggi. Steve Jobs,uno dei pi√Ļ grandi visionari della storia √® morto.Lo scrivo da un MacBook bianco che piange insieme a me la morte del suo inventore. Ci ha lasciati con grandi invenzioni e con in suoi discorsi immensi che hanno toccato gli animi pi√Ļ profondi e spinto tante persone a non fermarsi mai, a dare il meglio di se. A partire dai suoi competitor che in ogni modo cercavano di dare il massimo per non restare indietro. Alla fine restavano sempre indietro ma almeno facevano dei passi avanti e non si gongolavano nella mediocrit√†. Steve Jobs ¬†era un uomo che camminava e pensava ¬†in una dimensione parallela alla nostra, un mondo con una corsia preferenziale che gli permetteva di guardare ¬†lontano e anticipare i tempi. Le sue idee erano, sono e saranno il punto di riferimento per molte generazioni. “Siate affamati! Siate Folli!” diceva… e mi vengono i brividi e gli occhi lucidi se penso a queste 4 semplici parole che messe inisieme ti dicono chi √® Steve Jobs … Lo ringrazio, insieme al resto del mondo che ha amato il suo genio, per averci fatto credere e sperare che esister√† sempre the “one more thing”.

Poi non vi ho pi√Ļ detto che…

15/09/2011 § Leave a comment

…era una stronzata e non meritava di esser scritta… poi vi racconto….

Libri da ricordare

12/09/2011 § Leave a comment

Oggi √® una giornata un p√≤ cos√¨… non brutta non bella… semplicemente cos√¨… per cui non parliamo di me e non parliamo nemmeno in generale…parliamo di libri… questa estate ho letto 3 libri magnifici che mi ha consigliato la titolare della piccola libreria 6rosso … tornata dalle vacanze le ho anche portato un regalo perch√® io non ho dimenticato il significato della ¬†parola riconoscenza … per me i libri che mi consiglia sono un valore aggiunto alla mia vita intellettuale, alla mia formazione come donna e come essere umano… un libro √® una cosa importante… certi libri ti lasciano il segno per sempre… le sue parole vivranno nella tua testa per sempre… anche se nella mia, a causa della mia scarsa memoria, ¬†vivono in maniera ¬†latente seppur intensa. I 3 libri che mi rimarranno per sempre nel cuore sono:

L’arte della gioia di Goliarda Sapienza
Suite francese  di Irène Némirovsky
Controvento di Angeles Caso

Sono 3 libri tutti al femminile, scritti da donne che raccontano di donne …soprattutto… la lettura √® intensa e appassionata, quasi un’ avventura, una passeggiata che ti lascia senza fiato.

Adesso sto leggendo¬†High & Dry.¬†Primo amore,¬†scritto da¬†Banana Yoshimoto. ¬†Non tutti i suoi libri mi hanno catturata… in realt√† l’ ho comprato perch√® l’ illustrazione in copertina √® di Yoshimoto Nara, che ovviamente adoro,¬†altrimenti non so se l’ avrei preso….ma ¬†mi sta piacendo perch√® √® profondo, pieno di frasi ad effetto ma basico… come se davvero a scriverlo fosse stata una deliziosa e sveglia ragazzina di 14 anni che ha un futuro promettente come scrittrice. Mi ha preso… ma sono solo all’inizio…e i suoi libri, di solito, si trasformano man mano che li leggi…

Volevo anche ringraziare la mia amica Elena… saputo che mi era piaciuta Ir√®ne N√©mirovsky ¬†mi ha regalato¬†Il vino della solitudine¬†….¬†e in questo libro c’era un pizzico di me


Giuro che domani scrivo ma oggi no….

07/09/2011 § Leave a comment

oggi vi lascio questa canzone di uno dei miei gruppi preferiti… “We were promised jetpacks”¬†in questo periodo la sto ascoltando cos√¨ spesso… domani scrivo… si… domani scrivo…

La vacanza porta consiglio: I “Social Network”

24/08/2011 § Leave a comment

Sto iniziando a scrivere ma mi sono resa conto che devo lavare i denti… per cui vado e torno subito a parlarvi del secondo consiglio che mi ha dettato la vacanza… potrei andare a lavare i denti dopo ma poi rimando rimando rimando… meglio non rimandare.

Eccomi… Spiegare questo mi √® molto difficile perch√® non √® una vera e propria scoperta… √® una cosa che tutti sanno ma dalla quale tutti si lasciano continuamente attirare… i social network sono una vera e propria rete per pesci… posso capire i pesci che abboccano agli ami e restano impigliati nelle reti per la loro intelligenza ridotta… ma noi… noi, nonostante il nostro intelletto avanzato, ci impigliamo in reti assurde , in reti in cui neanche un pesce si lascerebbe catturare… siamo bravissimi a creare queste idialliache ¬†facebook amicizie dove sembra di essere un tutt’uno fino a poi mandarci a cagare e cancellarci come niente fosse… siamo bravissimi a farci i fatti degli altri … che, anche loro poi… dai… come fate a fare check-in pure ¬†alla banca e al supermercato e….al cesso… e¬†scusate la parola… ma daiii…. come si fa …. io faccio check-in solo se sono in un posto dove sto da Dio e dove spero che altri possano stare e mangiare da Dio… comunque io ho detto basta… o cancello facebook o ne faccio un uso migliore… basta ¬†inserire nel mio stato lamentele o inni politici,basta parlare dei fatti miei su un muro e cercare gente simili a me in una rete, ¬† basta avere amici che usano facebook per avere conferme… ma che conferme poi… che conferme ti pu√≤ dare un social network…. un social network √® qualcosa di falso e fittizio, dove tu non sei tu e dove gli altri sono dei nomi e delle frasi, quasi sempre frasi fatte e a volte patetiche. In un social network tutto nasce e si pu√≤ distruggere alla velocit√† della luce e senza pensarci due volte… Facebook √® una vita falsa e io voglio una vita vera, fatta di gesti, sguardi, parole parlate e sorrisi….schiaffi,volendo ūüôā , e liti vere, quelle liti di cui ti rimane qualcosa, un odore, un suono, una canzone, che alla fine ci si odia per sempre o ci si ama ¬†come prima…magari pi√Ļ di prima e magari ci si abbraccia… sembreranno frasi e pensieri banali ma l’amicizia non √® un like, le parole non sono commenti e le liti non sono un unlike… Facebook dovrebbe essere usato per lavoro, per documentarsi, per mostrare foto e disegni e non per intrecciare strani rapporti dal sapore di miele acido. ¬†Oltre a questi pensieri, che sapevo ma ho sinceramente maturato in questo ultimo mese, ho deciso di usare di pi√Ļ il mio tumblr per le immagini che mi piacciono, soprattutto fashion, e instagram per condividere ¬†le foto della mia vita reale… ma soprattutto voglio scrivere su questo blog tutto quello che ho in testa… Inernet e i social sono strumenti favolosi e io voglio continuare ad usarli… ma in maniera diversa… senza restare impigliata nelle reti del nulla ….quelle ¬†le lascio ai pesci…

La vacanza porta consiglio: La terza persona

22/08/2011 § Leave a comment

Questo non è un resoconto della vacanza. Per quello posterò delle foto con didascalia. Queste sono delle conclusioni a cui sono arrivata in un periodo in cui ho dedicato il mio tempo alla lettura, a passeggiare, a giocare con i miei cani, a mangiare.

– La prima cosa da dire √® che per la prima volta dopo tanti anni ho capito a cosa serve dare del Lei. A tenere le distanze. Ho sempre snobbato il Lei, lo trovavo poco friendly, antico e troppo serio… il Lei non si mette mai in discussione e lascia poco spazio ai sorrisi…. ma un giorno , poco prima di partire,mentre ero dal dentista … mentre litigavo col dentista…. un dentista che vuole fare il giovane, che parla giovane, che da del tu a tutti… ecco mentre litigavo con lui perch√® mi aveva fatto un bite per i denti che dopo soli due giorni era diventato una cosa puzzolente inusabile, mi sono scoperta a dargli del lei… improvvisamente ho trovato il Lei cos√¨ adatto alla situazione… cos√¨ perfetto e imponente che non lascia spazio ai fronzoli… Adesso lo uso pi√Ļ spesso e lo uso con piacere immenso perch√® raramente ho voglia di confidenze e smancerie, specie con le persone che non conosco.

Per la prossima puntata de ” La vacanza porta consiglio” si parler√† di ….. social network o qualcosa del genere.

Where Am I?

You are currently browsing the In My Mind category at Me, Him And The Dogs.

%d bloggers like this: